"La terza metà del cuore" il nuovo romanzo introspettivo di Emanuele Cislaghi

Cari lettori, vi segnaliamo con molto piacere l'uscita del nuovo libro dell'amico Emanuele Cislaghi: "La terza metà del cuore", per GiveMeAChance Editoria Online.

Un romanzo introspettivo dove i sentimenti e le emozioni sono sviscerate e analizzate per cercare di ridare un senso alla vita dopo che il dolore l'ha stravolta.
La morte tragica della moglie fa precipitare un uomo in una solitudine senza speranza, solo l'incontro con un'altra donna può distoglierlo dalla sua tristezza ma il destino non sempre lo permette.

Titolo: La terza metà del cuore
Autrice: Emanuele Cislaghi
Editore: GiveMeAChance Editoria Online
Genere: Romanzo
Uscita: 11 dicembre 2017
Pagine: 137
Prezzo (cartaceo): € 13,00
ISBN: 978-8897191506
Prezzo (ebook): € 7,80 (prezzo dell'editore)

Trama:
Lui è un uomo sulla quarantina, molto riservato e introspettivo. Vive nel ricordo della moglie, che ha perso tragicamente in un incidente stradale. Nel tentativo di dare un senso alla propria vita intraprende un percorso dal grande spessore etico, la donazione di midollo osseo. Lei è una donna forte, riflessiva. La vita l'ha costretta a fare scelte difficili, ad allontanarsi dalla sua famiglia di origine e a crescere un figlio da sola. Insieme hanno condiviso il periodo della scuola, dell'adolescenza. Sullo sfondo di una realtà lievemente distopica due solitudini si ritrovano, si desiderano, vorrebbero scrivere una storia d'amore, ma il destino ha deciso per loro una strada diversa, forse l'unica possibile.

L'autore:
Emanuele Cislaghi è nato il 16 settembre 1974 a Milano. Recita in una compagnia teatrale fatta di eroi metropolitani. Nel 2009 ha pubblicato il suo primo libro ''Ascolta le mie voci'', nel 2012 è uscito "Io ho ucciso".

Crede nella vita.
Crede nella timidezza dell'aurora, nella bellezza effimera del tramonto.
Crede nelle lacrime, nelle cicatrici, nelle rughe dei nonni e nelle carezze dei bimbi.
Crede nella dignità, nel rispetto, nella fatica del perdono.
Crede nella musica e nella poesia.
Crede nell'amore, nel sacrificio, nel dono gratuito e nella beneficenza silenziosa.
Crede negli sguardi e nei sorrisi.
Crede nelle promesse, nei silenzi, nelle strette di mano e nei voli della fantasia.
Condividi:  

Commenti

  1. In questo libro, Emanuele Cislaghi racconta l'incontro di due solitudini che si riconoscono e s'intersecano, dolorosamente e intensamente. Scritto in prima persona, il libro coinvolge il lettore che si sente fagocitato nel mondo del protagonista e non riesce a interrompere la lettura. Come sempre l’autore dimostra di avere una capacità di analisi superlativa condita dal suo consueto stile fluido, elegante, quasi proustiano per la scelta meticolosa degli aggettivi e la descrizione accurata dei moti dell’animo. La struttura del romanzo si dipana senza sforzo, si ferma, guarda al passato, torna al presente, con un ritmo quasi musicale. Da leggere per apprezzare il modo di scrivere bello e pulito e per riflettere.

    RispondiElimina

Posta un commento