BookMission 14 novembre 2017 "Storia di una matita": il teatro alle scuole elementari di Besozzo (VA)

Cari lettori, come non condividere con voi la splendida mattina di martedì 14 novembre 2017, in compagnia dei bambini delle elementari della scuola primaria G. Pascoli di Besozzo (VA)?

Le zie Books Hunters, hanno voluto fortemente organizzare un teatro speciale, quello dedicato alla storia di Lapo, ideata e scritta da Michele D'Ignazio, edita da Rizzoli.

E Michele, insieme a Angelo (Compagnia Angelo Aiello), ci è venuto da noi, con tutto il suo teatro itinerante, è arrivato e ha raccontato a tutti la storia di carta di Lapo: "Storia di una matita".


Un  ragazzo che sogna di diventare un disegnatore... un ragazzo che sogna così forte, da trasformarsi in una matita.


Coinvolgente la storia di Lapo, a tal punto che i bimbi interagivano con la storia, suggerendo a Lapo cosa fare.


E Michele? Michele fantastico narratore. Racconta la storia come fosse la sua. Forse anche lui si è trasformato in una matita per scrivere i suoi libri?



O sarà che quando si ama davvero un sogno, si deve far di tutto per trasformarlo nella nostra realtà. Senza esagerare però eh...


E poi, ecco i retroscena. Chi si nasconde là dietro? L'altra metà del teatro! Chi dà voce a Lapo e a tutti gli altri personaggi? Come si crea uno spettacolo? Di cosa è fatto Lapo?
E poi un sacco di domande. Bambini entusiasti, curiosi, esattamente come piacciono a noi, esattamente come deve essere.


Eccoli i libri di Michele. La storia continua con il secondo libro "Storia di una matita a scuola", che è già diventato il secondo spettacolo itinerante. Michele sa già che verrà ancora a trovarci!
E, grande anticipazione, l'uscita del terzo e ultimo capitolo delle vicende di Lapo, "Storia di una matita a casa", il prossimo febbraio sempre per Rizzoli.


E infine, felici, le Books Hunters con Michele D'Ignazio, vicino a Jess, Lapo in mezzo, il vero protagonista e, vicino a Barbi, Angelo. Due persone squisite, capaci di arrivare ai bimbi e anche agli adulti.

Ringraziamo la scuola per l'ospitalità, Michele e Angelo, per aver accettato il nostro invito facendoci conoscere Lapo, ringraziamo i sogni, che continuano a esistere anche grazie a chi sa narrarli. Ringraziamo voi lettori, per la voglia di fare che ci ispirate.

Books Hunters Blog
Condividi:  

Commenti