15 maggio 2018

[Recensione] "Chiaro di Luna" di Francesco Verro

Recensione di Chiaro di Luna, il libro di Francesco Verro edito da BookaBook.
Tutti abbiamo un sogno.
O è quel sogno ad avere noi?

La gioia che dà avere un sogno, trasformarlo in un obiettivo, mostrarlo al mondo senza mai vergognarsene, curarlo nei dettagli, donarsi ad esso. Perseguirlo. Farsi forti anche quando il resto del mondo sembra deriderci. Costruire. Anche quando le mani degli altri continuano a far crollare. I sogni sono l’anticamera di ciò che siamo. Quel lungo corridoio da percorrere per sentirci vivi e fieri di noi stessi.

Marian e Yuri hanno un sogno. Marian e Yuri sono una bambina e un portiere di plastica blu del biliardino di parco Mirandola. Avete capito bene.
Marian sogna di spedire qualcuno sulla Luna. Yuri, chiamato così da Marian, quella Luna, aspettava di vederla tutte le sere e ci riusciva grazie alla bambina e al suo vizio di girare tutte le “cose” verso la Luna. Tutti a volerla catturare questa bambina “dispettosa”, invece solo molto sognatrice e intelligente.
Marian e Yuri, diverranno naturalmente amici, ma questo successivamente all’incontro di Yuri con il signor Ciondolo, impaurito dal mondo degli umani, tanto grande, tanto pericoloso. Ma Yuri vuole vedere la Luna, vuole tornare al suo biliardino per vederla tutte le notti, come prima di quel temporale… e allora deve trovare l’artefice della sua passione e la trova, per poi finire a condividere il suo sogno con quella bambina, (e il suo gatto Pierre), che a scuola nessuno sembra capire, in quella scuola con quell’insegnante che fa studiare tutto a memoria, dove non c’è passione per quel che si fa, dove non è possibile dare fiato alle proprie aspirazioni.
Una squadra improbabile quella formata da lei e lui, ma che funziona. Fra inseguimenti, lettere minatorie, incontri, astronavi in miniatura, una storia sul coraggio di arrivare fino in fondo ai propri sogni.

Questa storia, scritta da Francesco Verro, è un autentico gioiello dalla narrazione limpida, ironica, spontanea, tipica di chi armeggia con i sogni e li rende reali. Qualcuno che ha imparato da essi, che non lascia spazio alla retorica. È un piccolo libro, per piccoli sognatori, ricco di verità. Anche lettori più adulti però adoreranno Marian e Yuri, il portiere di plastica che vuole vedere la Luna: sono incantevoli. Non resta che avere coraggio, perché è questo che ci permette di realizzare qualcosa, di uscire dai nostri limiti e guardare oltre.
(la Books Hunter Jessica)

Titolo: Chiaro di luna / Autore: Francesco Verro
Editore: Bookabook / Genere: Bambini e Ragazzi
Uscita: 15 marzo 2018 / Pagine: 93
Prezzo (cartaceo): € 10,00 / ISBN: 9788833230061

Trama:
"Tutti sogniamo di vivere una vita più intensa e avventurosa. Tutti sogniamo di uscire fuori dai nostri ranghi e inseguire obiettivi irraggiungibili. Ma quando poi ti stacchi dalia tua collanina oppure esci dal tuo biliardino, diventa tutta un'altra storia." Andare sulla Luna: è questo il desiderio che unisce Yuri e Marian. Lui è il portiere del biliardino di parco Mirandola e passa ogni notte a guardare il satellite grazie a una mano misteriosa che lo gira sempre verso l'alto. Marian invece è una bambina disobbediente e ostinata, alla ricerca di un piccolo astronauta da mandare in orbita sull'astronave che sta progettando. Il mondo di Marian non è tanto lontano dalla realtà rigida del biliardino di Yuri: nella sua scuola vige infatti un freddo regime autoritario dove ogni libertà è negata e a comandare è la terribile maestra Novellini, che costringe i bambini a memorizzare i libri di testo parola per parola. I desideri dei due protagonisti si incontreranno, dando vita a uno straordinario percorso fuori dagli schemi per inseguire i propri sogni.

L'autore:
Francesco Verro nasce a Sarzana nel 1988 ed è sia copywriter pubblicitario sia scrittore di romanzi. Nel 2015 esordisce con Il manoscritto segreto di Baxter Chovsky, mentre nel 2017 pubblica Sal Sagrada. Che ci fa un pirata nella vasca da bagno?, che segna il suo esordio nella narrativa per ragazzi. Con Chiaro di Luna, suo terzo libro, ha vinto il concorso letterario organizzato da bookabook durante “La lunga notte dei lettori”.

Vi consigliamo anche:
"La tigre di Anatolio e Elia il camminatore" di Guia Risari

0 commenti:

Posta un commento