24 maggio 2017

"Se mi tornassi questa sera accanto" di Carmen Pellegrino

Oggi per la nostra consueta Caccia ai Libri, vi proponiamo il libro di Carmen Pellegrino: "Se mi tornassi questa sera accanto" edito da Giunti.

“In quel momento Lulù pensò a quanto sia 
complicata la vita per i figli dell'uomo, che cercano il perdono definitivo per quello che fanno, ma non perdonano mai se stessi per quello che non hanno fatto. E poi c'era questa cosa che la tormentava da quando aveva memoria, questa riluttanza o forse incapacità degli uomini di dire una parola che ripara, la parola che aggiusta.”


Titolo: Se mi tornassi questa sera accanto
Autore: Carmen Pellegrino
Editore: Giunti
Genere: Romanzo
Uscita: 1 marzo 2017
Pagine: 240
Prezzo (cartaceo): € 16,00
ISBN: 9788809816015
Prezzo (ebook): € 9,99
EAN-13: 9788809855939

Il libro:
Giosuè Pindari è un uomo antico, legato alla terra, alla famiglia e a un ideale politico. Poco alla volta, senza riuscire a impedirlo, ha perso tutto: la moglie, dopo anni in cui il male di vivere non le ha concesso che brevi tregue, è ormai preda di un irreversibile declino; il socialismo, in cui ha creduto con una tenacia e una dedizione tipicamente "appenniniche", è stato trascinato nel fango dalla corruzione; l'amatissima figlia Lulù se ne è andata e non dà più notizie di sé. Contro la degenerazione di corpo e mente si può fare poco; contro la fine di un'utopia si può fare ancor meno, mentre a una figlia che è viva e lontana - provata dalle inevitabili incomprensioni generazionali, ma sorretta da una sensibilità ancestrale e profonda - si può comunque scrivere. 
È ciò che decide di fare Giosuè, affidando alla corrente del fiume le lettere per Lulù. Arriveranno mai? Non è importante saperlo. In fondo il fiume, con le sue piene improvvise, sa sempre come arrivare a destinazione «Se mi tornassi questa sera accanto» è il memorabile incipit della poesia A mio padre di Alfonso Gatto, un verso che è già una dichiarazione: questo è un romanzo sulla distanza, a volte abissale, tra gli esseri umani, specie quelli che una volta si sono amati (o almeno così era parso). 
In quella distanza vive Lulù, che adesso è sulle sponde di un altro fiume, lontana migliaia di chilometri dal fiumeterra che la legava al padre. Sulla nuova riva ha conosciuto Andreone, l'uomo "leggero" che aspetta la piena e, anche lui come Giosuè, il ritorno di una donna amata e perduta. 
La fragile meraviglia dell'incontro con quest'uomo bislacco - l'altro, così necessario al riconoscimento di sé - rivela qui tutta la sua forza. Infatti, da quel fiume lontano, è come se Lulù rispondesse alle lettere paterne seguendo la corrente, e su un registro magico, dentro un'aura d'incantamento, cercasse la via per il perdono. Perdono non come macigno da gettare sugli altri, ma come atto d'amore anzitutto verso se stessi: è il primo passo, il più difficile, il più importante.

L'autrice:
Carmen Pellegrino ha scritto saggi di storia e racconti. Da anni raccoglie suggestioni sui luoghi abbandonati.
Il suo romanzo d'esordio, Cade la terra, ha vinto il Premio Rapallo Carige opera prima e il Premio Selezione Campiello.

0 commenti:

Posta un commento