5 aprile 2017

"Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2017": ecco i vincitori

Buongiorno lettori, oggi 5 aprile sono stati annunciati i vincitori del Premio Strega Ragazze e Ragazzi, che quest'anno è alla sua seconda edizione, con cerimonia presso il Bologna Children’s Book Fair.

Tra gli 88 libri candidati al premio, ecco chi sono i vincitori:

David Cirici con Muschio (Il Castoro) per la categoria +6 (rivolta alla fascia di lettori dai 6 ai 10 anni) con 10 voti. Si aggiudica un premio di 5.000 Euro. Il traduttore del libro, Francesco Ferrucci, si aggiudica un premio di pari valore.


Libro vincitore del XXI Premio Edebé de Literatura Infantil y Juvenil.

Muschio, cane nero dal pelo riccio e dal buon fiuto, non capisce la guerra. Non sa chi la sta combattendo né perché. Sa solo che un giorno la sua casa e i suoi bambini non ci sono più. Una bomba ha distrutto tutto in un secondo. Eppure l'odore dei bambini, quell'odore inconfondibile di solletico, di pozzanghere e di scintille, ogni tanto ricompare. E fra le mille avventure che si trova ad affrontare - prigioni, fughe, belve feroci e uomini ancora più feroci - non si dà mai per vinto, certo che riuscirà a ritrovarli. I cani possono essere eroi, e non tutti gli uomini sono malvagi. Muschio è un cane semplice, ma conosce la speranza. Questa è la sua storia. Età di lettura: da 9 anni.

Titolo: Muschio
Autore: David Cirici
Editore: Il Castoro
Pagine: 111
Prezzo di copertina: € 13,50
Uscita: 10 giugno 2015
ISBN-13: 978-8880339694


David Cirici è un autore catalano di libri per ragazzi. Laureato in Filologia, è stato professore di lingua e letteratura catalana, sceneggiatore televisivo e pubblicitario. Si occupa da sempre della promozione della cultura in Spagna.


Luigi Garlando con L’estate che conobbi il Che (Rizzoli), per la categoria +11 (rivolta alla fascia dagli 11 ai 15 anni) con 79 voti. Si aggiudica un premio di 5.000 Euro.


È l'estate del 2014. I Mondiali di calcio sono appena cominciati, e Cesare sta per festeggiare il suo dodicesimo compleanno nella villa in cui vive con il padre, amministratore delegato di un'azienda di arredamento, la madre, medico chirurgo di fama, e la sorella, che studia economia e fa la fashion blogger. Oltre la collina abita il nonno, a cui il papà non parla più, ma che per Cesare è una colonna. Solida come i mobili che nascono dalle sue mani e che fanno di lui "il più abile poeta del legno apparso sulla terra, dopo San Giuseppe". Quando il nonno non si presenta alla festa, Cesare ha un brutto presentimento, così inforca la bici e corre a cercarlo a casa. Appena in tempo per vederlo trasportato su un'ambulanza. Sconvolto, Cesare nota, un attimo prima che lo portino via, il tatuaggio che il nonno ha sulla spalla. Chi è l'uomo con la barba? Qualche giorno dopo, scopre che quel volto non appartiene a Gesù, come aveva pensato in un primo momento, ma a un tale Ernesto Che Guevara. Ed è solo l'inizio. Tesa ed emozionante come un finale di partita, la vita straordinaria del Che raccontata da un nonno a suo nipote col passo incalzante della scrittura di Luigi Garlando. Un romanzo che intreccia una storia attuale, dell'Italia nella crisi economica, all'avventura rivoluzionaria del combattente argentino e alla sua caparbia ed eroica ricerca di un mondo più giusto per tutti. Età di lettura: da 10 anni.

Titolo: L'Estate che conobbi il Che
Autore: Luigi Garlando
Editore: Rizzoli
Paagine: 179
Prezzo di copertina: € 15,00 - ebook € 6,99
Uscita: 23 aprile 2015
ISBN-13: 978-8817080040


Luigi Garlando (Milano, 5 maggio 1962) è un giornalista e scrittore italiano.
Laureato in lettere moderne a Milano, comincia a muovere i primi passi nel mondo dei fumetti. Approda poi a La Gazzetta dello Sport, dove ha ereditato la rubrica di Candido Cannavò, e dove scrive tuttora sia per il quotidiano sia per il supplemento SportWeek in cui cura dal 2012 una propria rubrica (Ripartenze, dedicata al calcio), inoltre è uno dei conduttori di Gazzetta TV.
È stato premiato dal CONI per la sezione inchieste e per il racconto sportivo. 
Scrive inoltre libri per ragazzi, trattando temi d'attualità, sociali e sportivi, perché - spiega - «Non esistono temi da grandi e temi da bambini, ma esistono modi diversi per affrontarli».
È un appassionato collezionista di copie in tutte le lingue della Divina Commedia di Dante.
Nel 2005 vince il Premio Cento per Mio papà scrive la guerra.
Nel 2008 riceve il Premio Bancarella Sport per Ora sei una stella. Il romanzo dell'Inter.
Il romanzo "gol".
(fonte: Wikipedia)

Se volete incontrare i due vincitori, li troverete a Torino, il 18 maggio, al Salone internazionale del libro.

0 commenti:

Posta un commento