23 novembre 2016

"Un figlio", la favola di Alejandro Palomas

Buongiorno lettori, oggi vi parliamo del nuovo lavoro di Alejandro Palomas, autore apprezzato per la sua prosa lieve e magistrale. Un figlio è una favola dolce ma potente, una storia che punta dritta al cuore e lo raggiunge come un'onda d'urto.


Guille non ha niente in comune con i suoi compagni di quarta elementare: è taciturno, non ama il calcio e ha sempre la testa tra le nuvole. Sarà perché non si è ancora ambientato nella nuova scuola, dice suo padre, Manuel Antúnez, quando la maestra Sonia lo convoca d’urgenza in aula docenti. Sonia, però, scuote la testa. Quella mattina, prima dell’intervallo, ha chiesto agli alunni che cosa avrebbero voluto fare da grandi. C’è chi ha risposto il veterinario, chi Beyoncé, chi ancora l’astronauta, Rafael Nadal o la vincitrice di The Voice. Guille ha risposto... Mary Poppins. E ha anche motivato la sua scelta: vuole essere Mary Poppins perché è una signora simpatica che sa volare, ama gli animali e, quando non lavora, può nuotare nel mare insieme ai pesci e ai polipi.
Sonia consiglia a Manuel di affiancare al bambino una psicologa scolastica che lo aiuti ad aprirsi con i compagni e a non rifugiarsi in un mondo immaginario e strampalato, e il padre si dice d’accordo.
Nessuno dei due adulti ha, però, intuito il vero motivo della risposta di Guille. Avere i poteri magici di Mary Poppins significa per il bambino risolvere d’incanto tutti i suoi problemi. Gli basterebbe, infatti, cantare Supercalifragilistichespiralidoso e sua madre tornerebbe a casa, suo padre smetterebbe di passare le sere a piangere e la sua amica Nazia non sarebbe costretta ad andare in Pakistan a sposare un signore anziano che neppure conosce...
Guille è stufo che tutto il mondo continui a ripetergli che è soltanto un bambino e che ibambini non possono capire certe cose. Lui, invece, le capisce benissimo. Sa perfettamente che suo padre lo mette a letto e poi va a rimestare in una vecchia scatola nascosta sull’ultimo ripiano dell’armadio. Sa, soprattutto, che è un vero mistero che sua madre sia andata a lavorare a Dubai come hostess di volo e nonsia ancora tornata…
Con la sua prosa lieve, Alejandro Palomas – «un ritrattista dell’animo umano, uno degli scrittori più amati e promettenti della nostra letteratura» (Culturamas) – regala ai lettori una favola tenera e profonda che riflette sulla distanza emotiva che un dolore improvviso può instaurare tra un padre e un figlio. Un romanzo pieno di grazia e di speranza che parla al cuore di chi non vuole smettere di credere ai propri sogni.

Titolo: Un figlio
Autore: Alejandro Palomas
Editore: Neri Pozza
Pagine 192
Prezzo di copertina: € 16,00
Uscita: settembre 2016
ISBN 978-88545-1235-1

«Palomas si addentra nei suoi personaggi e nelle sue storie con una voracità e una forza tali [...] da condurci nelle profondità dell’animo umano».
Mara Calabuig

«Un libro che si legge tutto d’un fiato, ma che vorremmo non finisse mai».
Maribel

"Un figlio è una storia che sembra un soffio, breve e delicata; una prosa magistrale aiutata dalla traduzione impeccabile. Un romanzo breve che sa di magico e di innocenza infantile, una storia che fa sorridere e commuovere, che fa tremare il cuore di emozione, di tenerezza e anche di molta malinconia. Una malinconia che fa del bene al cuore, complice un finale lento e indimenticabile e una scrittura superlativa." 
Uno scaffale di libri

Alejandro Palomas è nato a Barcellona nel 1967. Laureato in letteratura inglese, traduttore di Katherine Mansfield, Gertrude Stein, Willa Cather e Jack London, scritto romanzi come A pesar de todo, El tiempo del corazón (premio Nuevo Talento FNAC, 2002) e El secreto de los Hoffman (finalista Premio Torrevieja 2008), e racconti come Pequeñas bienvenidas. Con Tanta vita (Neri Pozza 2008) ha ottenuto un grande successo di critica e pubblico.

0 commenti:

Posta un commento