23 novembre 2016

"Thrillogy" di Marco Marcuzzi - Il libro e gli eventi con l'autore

Buongiorno lettori, con grande piacere, vi segnaliamo due eventi che riguardano lo scrittore e amico Marco Marcuzzi.

Il primo degli appuntamenti è per questa sera, mercoledì 23 novembre 2016, ore 18.00, presso la Sala Consigliare del Municipio di Sesto Calende (VA) in Piazza Mazzini, 16.
Ospitato nel contesto della rassegna "Segnalibri con Sonorità al Pianoforte", oltre a presentare al pubblico il suo libro THRILLOGY, l'autore eseguirà improvvisazioni musicali dedicate ai personaggi dei tre romanzi noir ambientati sul Lago Maggiore.


Il secondo appuntamento è per domani, giovedì 24 novembre 2016, ore 21.00, presso la Biblioteca Frera in Via Zara, 37 a Tradate (VA). L'autore si cimenterà in un RECITAL PIANISTICO in occasione della presentazione di THRILLOGY. Accompagnerà lo scrittore Roberta Lucato.


Il Libro:
Tre brevi romanzi, tre protagonisti: dal calzolaio, maestro di vita, d'amore e coraggio di un liceale poco motivato; al bigotto, sostenitore di certezze e incrollabili verità; al musicologo, stimato professore in pensione alla ricerca di un'oasi di pace nella sua villa in collina vista lago. Nel dipanarsi delle vicende i toni leggeri degli incipit vanno trasformandosi in un crescendo di colpi di scena fino a determinare situazioni paradossali, nelle quali la bellezza del Lago Maggiore fa da intimo sfondo all'ineluttabilità degli eventi.
Cinici, spietati e romantici al tempo stesso: questa l'essenza dei personaggi laghée di Marcuzzi, protagonisti che vanno ancora una volta a sfatare il mito della 'nobile giustizia universale'.

Titolo: Thrillogy
Autore: Marco Marcuzzi
Editore: Pietro Macchione Editore
Genere: Noir
Pagine: 360
Uscita: 2016
Prezzo (cartaceo): € 18,00
ISBN 978-88-6570-319-9

L'autore:
Marco Marcuzzi nasce a Treviso nel ’62. Figlio di un noto illustratore, cresce a Venezia, poi a Firenze e in Valcuvia. Dopo l’Accademia di Belle Arti di Brera, intraprende la professione di pianista e compositore di musica per cinema e teatro, a cui abbina per alcuni anni anche l’attività di fotografo per la quale gli vengono pubblicati due libri di immagini sulla Toscana. Tornato a vivere sul Lago Maggiore, a cui è intimamente legato, dopo un periodo di travaglio interiore scopre il piacere della scrittura con cui può esprimere quella parte di sé fino ad allora contenuta. Nei suoi romanzi emergono il cinismo veneziano, la causticità toscana e la fantasia crudele che aleggia nelle valli del lago: ingredienti piccanti dell’esistenza che col pianoforte non gli era possibile raccontare.

0 commenti:

Posta un commento