3 agosto 2016

"Le cose semplici" - Luca Doninelli, finalista al Premio Campiello 2016

Buongiorno lettori, oggi approfondiamo insieme la conoscenza di uno dei cinque finalisti del Premio Campiello 2016: parliamo di Luca Doninelli e del suo libro Le cose semplici, edito da Bompiani.


Luca Doninelli è nato nella bassa bresciana, ha vissuto per lungo tempo a Desenzano del Garda; il padre era direttore dell'Ospedale di Desenzano, la madre è la nipote del celebre pittore Ottone Rosai. Si è trasferito poi a Milano dove si è laureato in filosofia alla Cattolica. È sposato con la traduttrice Cristina Moroni, con cui ha due figli.
Dopo aver insegnato in diversi istituti superiori e universitari, ha collaborato con diverse testate giornalistiche tra cui Il Sabato, Liberal, Tempi, Il Giornale, Vita e Avvenire.

Ha pubblicato diversi romanzi tra cui La revoca (che gli valse il Premio Selezione Campiello), La Mano (divenuto poi anche uno spettacolo teatrale) e la raccolta di racconti Le decorose memorie con cui fu Supervincitore del Premio Grinzane Cavour.
Nel 2000 è finalista al Premio Strega e nel 2006 è finalista al Premio Bergamo.

Dalla grande amicizia con Giovanni Testori nacque nel 1993 il libro-intervista Conversazioni con Testori.

È anche autore per il teatro.

Nel 2004 esce, edito da Garzanti, il saggio Il Crollo delle Aspettative. Scritti insurrezionali su Milano, che aprirà una lunga stagione di dibattiti sulla città lombarda, sui suoi problemi, sul suo futuro.



Tra le tante sue opere ricordiamo anche:
I due fratelli (1990),
Talk show (1996),
La nuova era (1999),
Tornavamo dal mare (2004),
La polvere di Allah (2006).
Per Bompiani ha pubblicato Salviamo Firenze (2012) e Fa’ che questa strada non finista mai (2014).

Il libro:
Un giovane incontra a Parigi una ragazzina enfant prodige della matematica e i due s’innamorano, si fidanzano, si sposano. Lei, poco più che ventenne, va in America. Ma il mondo s’inceppa e in un batter d’occhio tutto finisce: niente più petrolio, niente più energia elettrica, commercio né moneta, niente più regole sociali. Ovunque solo guerre e carneficine. Il mondo si imbarbarisce e la sua caduta coglie i due innamorati ai due lati dell’oceano, senza possibilità di comunicare. Per vent’anni i due vivranno lontani, lei ha una vita durissima, lui comincia a scrivere per non dimenticarla. Finché, dopo tanti anni, i due si ritroveranno, accesi dal fuoco della passione e dal bisogno di verità. Le cose semplici è il tentativo di raccontare il cammino dei nostri desideri più comuni ed elementari – e di tutto quello che ci tocca il cuore, fino a straziarci con la sua bellezza o con il ricordo pungente di essa – attraverso la labirintica distruttività del mondo. Il nostro bisogno di vivere una vita che si possa dire umana, di gioia ma anche di un dolore dotato di senso, è destinato a infrangersi contro il muro del potere, della superficialità, del pensiero indotto e dei luoghi comuni? O può trovare soddisfazione?

Titolo: Le cose semplici
Autore: Luca Doninelli
Editore: Bompiani
Collana: LETTERATURA ITALIANA
Pagine: 840
Prezzo di copertina: € 23,00
Uscita: 01 ottobre 2015

"All'inizio mi ha lasciata perplessa perché non è un libro secondo i canoni che ti aspetti, e tuttavia mi stupivo di non volerlo abbandonare. La milano post-fine del mondo è annichilente soprattutto se si pensa che alcuni dei suoi tratti sono già in atto ora. I discorsi, i personaggi e i fatti narrati lasciano perplessi ma poi trovi sempre in loro uno spunto che ti fa riflettere su un tema che richiama qualcosa della tua vita. Di solito non leggo narrativa italiana, però sono contenta di aver scelto questo libro."
Line Bregante (Amazon)

"Questo è un libro importante. Molto importante, e non l'ho capito subito: ci sono volute più di 500 pagine per rendermene conto. Le Parole Semplici di Luca Doninelli è un romanzo apocalittico, fondamentalmente fantascientifico, a tratti utopico, politico, filosofico, ironico, grottesco, mistico, profondo. In una parola: bellissimo.
Una stella in meno per la mancanza di un finale all'altezza del resto."
Thomas M. Pitt (Amazon)

0 commenti:

Posta un commento