25 luglio 2016

"Pane e Tempesta" le creature indimenticabili di Stefano Benni

Buongiorno cari lettori, oggi vi parliamo di una delle nostre ultime letture.
Quando si ha voglia di evadere dall'ordinario pur rimanendoci.
Quando si ha voglia di infangarsi in storie assurde, ma divertenti.
Quando si ha voglia di camminare nella follia e nel mondo reale alterato da situazioni a dir poco incredibili...
Beh, in questi e molti altri casi, tocca leggere Stefano Benni.
Che poi fa ridere e pensare... azzeccatissima questa lettura proprio ora, in questo periodo del mondo dove le cose vanno di corsa e tutto sembra in qualche modo scivolare via.
Questo libro e altri di Benni sono utili anche nel caso in cui qualche produttore musicale cercasse nuovi talenti. Qui conosceremo bene i 'Kastagna', gruppo rock fra i cui successi possiamo nominare: Calcio di Vacca e Mamma vado senza mani. Due pezzi che faranno la storia melosento.
Anche se ammetto che continuo ad amare alla follia i mitici 'Mamma mettimi giù' che l'autore mi ha fatto conoscere ufficialmente nel suo libro del 1992 "La compagnia dei celestini", di cui avevamo parlato QUI in un match all'ultima riga con "Cari Mostri".

"Sarebbe bello durare quanto i racconti che abbiamo ascoltato e che raccontiamo."

Titolo: Pane e Tempesta
Autore: Stefano Benni
Editore: Feltrinelli Editore
Genere: Narrativa
Pagine: 248
Prezzo (cartaceo): € 8,50 (Universale Economica Feltrinelli)

"E per noi ogni giorno è prezioso.
E abbiamo i racconti.
E sappiamo riparare le cose, voi no.
E anche se il vento ci soffia contro, abbiamo sempre mangiato pane e tempesta, e passeremo anche questa."

Trama:
Quali sono le ventisette azioni dell’uomo civile?
Lo scoprirete a Montelfo, il paese più magico e fantastico del mondo. In un romanzo di sfrenata comicità.
Stefano Benni monta un grande circo di creature indimenticabili: il Nonno Stregone, Ispido Manidoro, Trincone Carogna, Sofronia e Rasputin, Archimede detto Archivio, Frida Fon, lo gnomo Kinotto, il beato Inclinato, Simona Bellosguardo, il gargaleone e il cinfalepro, Fen il Fenomeno, Piombino, Raffaele Raffica, Alice, don Pinpon e don Mela, Zito Zeppa, la Jole, Gino Saltasù, il sindaco Velluti, Ottavio Talpa, Bubba Bonazzi, Bum Bum Fattanza, Nestorino e Gandolino, Sibilio Settecanal, Tramutone, la Mannara, Giango, i fratelli Sgomberati, Bingo Caccola e Tamara Colibrì, Maria Sandokan, Adelmo il Cupo, Checca e Caco.

Il commento del lettore:
Come vi accennavo qui sopra, ogni storia di Stefano Benni è una meravigliosa sorpresa. Quando apri un suo libro sai già che il mix di personaggi e follia ti stanno aspettando. 
Benni ricava una realtà alterata o forse è più giusto dire che altera la fantasia con la realtà? Senza dubbio sa guardare il mondo da una angolazione diversa, a volte mi chiedo: "Ma dove le trova 'ste storie, Benni? Ma dorme la notte?
Ad ogni modo, non si resta mai delusi e poi dai, ci si diverte.
(Jess - Books Hunters Blog)

L'autore:
Stefano Benni è nato a Bologna nel 1947. Con Feltrinelli ha pubblicato: Prima o poi l’amore arriva (1981), Terra! (1983),Stranalandia, con disegni di Pirro Cuniberti (1984), Comici spaventati guerrieri (1986), Il bar sotto il mare (1987), Baol (1990),Ballate (1991), La Compagnia dei Celestini (1992), L’ultima lacrima(1994), Elianto (1996), Bar Sport (1996; Edizione speciale, 2016), Bar Sport Duemila (1997), Blues in sedici (1998), Teatro (1999), Spiriti(2000), Dottor Niù. Corsivi diabolici per tragedie evitabili (2001),Saltatempo (2001), Teatro 2 (2003), Achille piè veloce (2003),Margherita Dolcevita (2005), Misterioso. Viaggio nel silenzio di Thelonious Monk (2005), La grammatica di Dio. Storie di solitudine e allegria (2007), Pane e tempesta (2009), Le Beatrici (2011; “Audiolibri Emons-Feltrinelli”, 2012), Fen il fenomeno (con Luca Ralli; 2011), Di tutte le ricchezze (2012; “Audiolibri Emons-Feltrinelli”, 2012), Pantera (con Luca Ralli; 2014), Cari mostri (2015) e, nella collana digitale Zoom, Frate Zitto (2011) e L’ora più bella(2012). Nell'area audiolibri ha letto: La terra desolata di T.S. Eliot (Full Color Sound), Novecento di Alessandro Baricco (Emons-Feltrinelli, 2011) e il suo Di tutte le ricchezze (Emons-Feltrinelli, 2012).

0 commenti:

Posta un commento