30 luglio 2015

Recensione "Grey" di E. L. James

Da: Jessica Moro
A: Christian Grey
Data: 29 luglio 2015 ORA LEGALE – NORD ITALIA – LOMBARDIA - VARESE
Oggetto: l’arroganza delle maiuscole.


Caro Grey,

leggere nella tua testa non è stato tanto rivelatore. Credo che in ogni uomo aleggino pensieri tanto dolci quanto perversi. Non crederti un punto unico nell'universo. Anche le donne celano le loro sfumature di tenebra molto meglio di quel che si possa pensare.

L’unica cosa che mi fa veramente rabbia di te, è che credevi che mai e poi mai, il tuo cuore potesse diventare simile a un nervo scoperto. Pensavi davvero di poterlo tenere nascosto per tutta la vita?

Oh, mio caro Mr. Grey, quante cose non avevi ancora capito. Oltre a essere un duro, (lo so, lo so, qui ci scapperebbe la battuta maliziosa), sei un UOMO.

Che sei ricco forse importa alla metà dei/delle ficcanaso che hanno letto il Grey-pensiero e il tuo signor Subconscio. A me che tu piloti Charlie Tango importa relativamente, tanto per essere chiari. Ah, se vuoi io posso portarti a fare un giro sulla mia Charlie Tango tre quattro cinque Yankee Golf. ;) Che ne pensi? Si sta vicini comunque, questo è quello che Ana tentava di dirti quando tu ragionavi ancora solo con le parti basse.

So bene che la tua vita è stata complicata, l’ho letto prima da parte di Ana, adesso da te. Vuoi che non l’abbia capito? Però Mr. Grey, nella vita si va avanti e le occasioni che ci si parano davanti mica si lasciano sfuggire, eh?

Lo ammetto: ti avrei preso a sberle almeno un milione di volte, ma che ci vuoi fare, sono una donna. Ah, non credere che non avrei preso a testate anche Ana ogni tanto. Tu con 'sta storia della Sottomessa non tanto Sottomessa (alla fine…), lei con 'sta storia del “ho paura non farmi male, ma fammi comunque male”. Siete due elementi difficili. Va’ qualche volta ancora dal dottor Flynn, Grey.

Oh, intendiamoci. Tu sei il prototipo d’uomo che ogni donna vorrebbe al suo fianco… finché non entra nella stanza dei giochi. Poi dipende dalla donna e da tanti fattori. (Questo rimane uno spiraglio ragionevole, Mr. Grey?)

Però sei anche un po’ ottuso, ridondante e convinto che la vita debba andare come dici tu. Possibile che non ti rendi conto di come in realtà sia la vita a guidare? L’AMORE è un pilota migliore, ti supera in maestria e coordinazione, Grey! Ti ha BATTUTO, o dovrei dire ABBATTUTO? ;)

Non amo gli uomini che pensano di controllare tutto, amo più quelli che sfidano il vento, che si lasciano trasportare dai sentimenti, quindi sì, lo ammetto, alla fine sono anche fiera di te. E basta con la storia della Sottomessa e del Dominatore che non ci crede più nessuno, Grey. Ci piaci di più alla “vaniglia”. Ho riso un po’ adesso, te lo dico perché non ho trovato lo smile adatto, ce ne vorrebbe uno animato per rendere l’idea.

Mr. Grey leggerti è stato un mix fra rabbia e comprensione. Fra voglia di strozzarti e picchi di interesse. È stato illuminante. Quante cose si possono fare per amore? (Qui mi riferisco anche a te, non solo ad Ana). 

Dai che sulla tua storia ci hanno ricamato già in troppi. Film, DVD, foto, libri. Direi che è ora di lasciarti stare, o no Grey? Vuoi essere lasciato in pace? Dimmi di sì, per favore. Dillo anche a chi ti confeziona i dialoghi. Penso che per finire al meglio una carriera bisogna andarsene quando il livello di notorietà è alto e ancora saldo. Che dici? Goditi l’avventura senza il resto. 

Sono certa che nessuno ti sculaccerà per questo, Grey!

Vuoi usare la SAFEWORD?

(la Books Hunter Jessica) X


L'autrice:

E. L. James, londinese, moglie e madre di due figli, lavora in televisione. Ha sempre sognato di scrivere storie di cui i lettori si sarebbero innamorati, ma ha accantonato fino a oggi questa passione per concentrarsi sulla famiglia e sulla carriera. Alla fine, però, ha preso il coraggio a due mani e ha scritto il suo primo romanzo, Cinquanta sfumature di Grigio, cui fanno seguito Cinquanta sfumature di Nero e Cinquanta sfumature di Rosso e il nuovissimo Grey. La versione di Cinquanta sfumature di Grigio raccontate da Christian Grey.


Le altre recensioni della trilogia:

0 commenti:

Posta un commento