18 marzo 2014

Qualche curiosità sulla realizzazione di un eBook...

Ieri nel gruppo delle Books Hunters, abbiamo chiacchierato a proposito degli eBook e in particolare su come si realizzano...
Abbiamo chiesto a un esperto del settore che si è prestato gentilmente a fornirci qualche dettaglio tecnico, che abbiamo deciso di pubblicare perché può essere utile per chiunque voglia provarci...


Il modo migliore per creare un eBook professionale e privo di errori nel codice è quello di impaginarlo correttamente con un editor di testo, esportarlo in formato ePub (che poi non è altro in pratica che un insieme di pagine HTML gestite da un foglio di stile come nei siti web) e poi lavorare bene il codice con Sigil, che è un software free.


A grandi linee, dunque, per trasformare un manoscritto in un eBook bisogna seguire questi passi:
  1. Creare un foglio di stile per la tipografia del contenuto: titoli, sottotitoli, paragrafi, allineamento immagini, citazioni, ecc.
  2. Creare un file per ogni elemento dell’ebook: copertina, colophon, prefazione, capitoli, nota finale, biografia autore, pagine promozionali, ecc.
  3. Inserire le immagini: copertina ed eventuali illustrazioni;
  4. Creare il sommario: automaticamente, se avrete impaginato bene l’ebook, sia Sigil sia Mobipocket generano il cosiddetto “table of content”, ossia il nostro sommario, l’indice dei contenuti dell’ebook.

Sigil

Questo programma ha una serie di cartelle in cui inserire i vari file dell’eBook: testo, fogli di stile, immagini, file audio, file video, font. Per velocizzare il lavoro di impaginazione si crea un modello che si usa di volta in volta, per non fare da capo il lavoro per ogni eBook, e che potete scaricare gratuitamente.
Per prima cosa si crea il foglio di stile che decide la tipografia del testo e lo si inserisce nella cartella Styles. Ma attenzione: non fatevi trasportare dalla creatività. È inutile usare caratteri particolari per “abbellire” il vostro eBook. In un libro cartaceo è raro che troviate font creativi.
Ricordatevi che il vostro eBook deve essere letto da chiunque e che il lettore può cambiare alcune impostazioni tipografiche. Si consiglia di non definire alcuna grandezza per i caratteri.
Il passo successivo è inserire la copertina, che va aggiunta nella cartella Images. Ma per farla apparire nell’eBook come primo elemento da visualizzare si deve creare un nuovo file nella cartella Text: una pagina Web, quindi, che richiami la copertina.
E così via, per ogni elemento dell’eBook ci sarà una pagina Web creata.
L’ordine in cui fate apparire nella cartella Text i vari file sarà lo stesso in cui vedrete quegli elementi nel vostro eBook. Non importa quali file create per primi: con un tocco di mouse potete trascinarli nella posizione voluta.
Aggiungete infine il titolo dell’eBook e il nome dell’autore andando in Strumenti/Editor dei Metadati.
Ecco dove scaricare un template per creare un eBook con Sigil: http://pennablu.it/magazzino/modello-ebook-epub.rar

Cosa non deve mancare in un eBook?
L’indice: in Sigil viene creato automaticamente. Questo significa che nell’eBook troverete un indice navigabile: con un click salterete da capitolo a capitolo.
Il colophon: in questa pagina si inserisce una serie di informazioni, come l’edizione, la data di pubblicazione, la paternità dell’immagine di copertina e dell’impaginazione e il sito di riferimento.
Il testo: il vostro racconto, saggio, manoscritto suddiviso in capitoli.
La biografia dell’autore: non dimenticate di parlare di voi. In ogni libro c’è un minimo di biografia dello scrittore.
Promo di altri ebook: a fine eBook si creano spesso delle pagine promozionali per pubblicizzare i propri lavori. In fondo siamo abituati a vederne nei libri.
Come contattare l’autore: mail, blog, pagine sui social network.

Il DRM è un tipo di protezione che si trova su alcuni eBook ma è piuttosto scomoda e detestata da tutti. Il watermark (che dà Narcissus ad esempio) è invece una protezione molto leggera e milgiore, che in pratica durante lo scaricamento di una copia di un eBook inserisce all'interno del codice dello stesso i dati dell'acquirente, rendendolo identificabile in caso di pirateria.

Se aveste necessità di approfondire il discorso, vi invitiamo a contattarci.


0 commenti:

Posta un commento